In edicola dal
21 Marzo

Roma: la vita quotidiana

A quasi ottant’anni dall’uscita del volume di Jérôme Carcopino La vita quotidiana a Roma (pubblicato in Italia per la prima volta nel 1941), e del quasi contemporaneo Vita romana (1940) di Ugo Enrico Paoli, le pubblicazioni sulle abitudini sociali, economiche, pratiche dei Romani si sono moltiplicate. Tra queste, meritano di essere ricordati i numerosi contributi di Romolo Augusto Staccioli (molti dei quali apparsi proprio sulle pagine di «Archeo» e che in parte riproponiamo in questa Monografia), per la loro capacità di esporre, in maniera chiara e avvincente, argomenti che non devono rimanere patrimonio esclusivo degli «addetti ai lavori». Possiamo affermare, pertanto, che molti aspetti della vita quotidiana nell’antichità sono ormai ben conosciuti e alla portata del grande pubblico.
C’è un rischio però: quello di «attualizzare» eccessivamente il passato, volendo trovarvi, per forza, similitudini con la vita del nostro tempo. Il mondo antico, invece, e quello romano in particolare, era «altro» da quello contemporaneo. Basti pensare a due aspetti eclatanti: quello di una società basata sulla schiavitú, un dato oggi inaccettabile ma del tutto normale a quel tempo; e quello della violenza, programmata e reiterata, degli spettacoli gladiatori che si svolgevano nel Colosseo e nelle altre arene dell’impero, tanto apprezzati dagli antichi quanto inconcepibili per noi uomini moderni.
Per meglio comprendere alcuni aspetti di quella società cosí lontana nel tempo, questa Monografia offre al lettore un’immagine della vita quotidiana nella Roma imperiale, attraverso le parole e le testimonianze degli autori antichi, primi tra tutti Marziale e Giovenale. Inoltre, vuole offrirsi come una guida ragionata ai luoghi reali della città, cosí da far immergere il visitatore-lettore nell’intrico delle strade e dei vicoli dell’Urbe antica, con le sue affollate case d’affitto e le lussuose residenze del ceto alto, le terme, le tabernae, i luoghi malfamati e quelli dedicati agli spettacoli.
Oggi, Roma è una città che continuamente riserva sorprese e scoperte inaspettate. Essa custodisce le testimonianze monumentali stratificatesi nel corso dei secoli e che, come un libro ancora da sfogliare, possono svelarci la sua storia millenaria. Anche le moderne tecnologie multimediali contribuiscono a restituirci l’aspetto originario degli antichi monumenti, consentendo una completa immedesimazione dello spettatore con il civis romano che li abitava. Un esempio è l’allestimento delle domus di Palazzo Valentini (vedi alle pp. 42-47), che permette di «rivivere» un quartiere della Roma imperiale attraverso un percorso all’interno di due lussuose residenze appartenute a importanti personaggi dell’epoca.
Nelle pagine che seguono presentiamo, dunque, una sorta di itinerario reale e virtuale, scandito da una scelta di siti particolarmente significativi, e tutti visitabili: luoghi antichi, ma ancora vivi, della Città Eterna. Buona lettura e… buona visita!

Luciano Frazzoni

SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA

SEDE REDAZIONE

 

 

PUBBLICITA